Pochi giorni e le urne si aprono per il voto referendario.
Domenica 4 dicembre  si vota per il Referendum confermativo popolare della legge costituzionale concernente le disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il  contenimento dei costi del funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione.
Per esprimere  la volontà di approvare la modifica della Costituzione occorre votare SI.
Per esprimere  la volontà di  respingere la legge di modifica della Costituzione  occorre votare NO. Il referendum confermativo non ha quorum per cui vale anche se c’è’ un solo voto.
Ma l’ invito è che vadano a votare tutti gli aventi diritto.
L’ elettore dovrà presentarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale.
Chi non ne è in possesso o l’ ha smarrita o ha esaurito gli spazi disponibili, può richiederla  all’ ufficio elettorale del comune di residenza.
I seggi resteranno aperti dalle 7:00 alle 23:00.
Poi lo spoglio delle schede ed il risultato.
Intensa e dai toni accesi la campagna elettorale che si conclude venerdì 2 dicembre.
Sabato sarà giornata di riflessione, poi via al voto.
Il risultato è attesissimo sia per le conseguenze politiche sul Governo, che in ambito economico.
Analisi dei due schieramenti giungono a opposte valutazioni.
La volontà popolare darà la sua indicazione.

R.S.

This entry was posted on Martedì, Novembre 29th, 2016 at 15:55.
Categorie: Senza categoria, area legale, news, qualità.

No Comments, Comment or Ping

Comments are closed.